Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




 
Parliamo di contabilità


Presupposto fondamentale di qualsiasi iniziativa di solidarietà è l'amore, ma elementi pratici indispensabili sono la trasparenza dei progetti e la buona utilizzazione dei fondi raccolti.


"A, B, C" basa il proprio lavoro sull'autofinanziamento e convoglia sui progetti il 95% delle entrate (il 5% è utilizzato per le spese amministrative) che derivano dai sostegni, dalle donazioni, dalle iniziative promozionali e dagli interessi che maturano sui conti correnti bancario e postale. La quota, per tutti i progetti, è di 26 euro al mese.


Tutte le entrate e le uscite sono riportate, in maniera dettagliata e precisa, nel rendiconto di gestione di fine anno. E', infatti, soprattutto con il rendiconto di gestione che noi "comunichiamo" con i soci e l' "esterno". Esso rappresenta lo strumento che l'Associazione ha per corrispondere alla fiducia dei sostenitori e di quanti altri sono interessati alle nostre attività. Per noi è importante che esso sia non soltanto un documento contabile ma anche il mezzo per comunicare, attraverso le cifre, il valore sociale di quello che facciamo tutti insieme.


Abbiamo voluto così chiamare "Rendiconto di gestione" l'andamento contabile dell'associazione per distinguere meglio il nostro tipo di attività da quella d'impresa. Infatti, non ci piace assimilare, anche soltanto nominalmente, i versamenti delle quote di affido o le donazioni ai ricavi di un'azienda e le spese necessarie per far sopravvivere ABC ai costi. Il confronto fra i consumi (le spese) e i proventi (le quote di affido e le donazioni) non possono assumere il connotato di un risultato economico di bilancio d'impresa.


Nel nostro tipo di associazionismo, inoltre, i soldi sono di transito, devono entrare ed uscire prima possibile per sostenere i bambini e realizzare i progetti. I nostri bilanci si chiudono, invece, con eccedenze finanziarie abbastanza alte. Spieghiamo i motivi:


1) in Bosnia e Serbia le quote vengono consegnate due volte l'anno, a maggio (si consegnano quelle versate dai soci da novembre dell'anno precedente ad aprile) e a novembre (si consegnano quelle versate dai soci da maggio ad ottobre). Dunque le quote di novembre e dicembre, che i soci versano fino al 31 dicembre di ogni anno, restano temporaneamente in cassa "gonfiando" il bilancio;


2) ci sono poi le quote versate in anticipo da alcuni soci, ma di competenza contabile dell'anno successivo, che non possono essere utilizzate prima;


3) infine, all'inizio di ogni anno di attività ci deve essere sempre una disponibilità finanziaria indispensabile per garantire agli affidati continuità di aiuto e fronteggiare le emergenze.


Così l'organizzazione di "A, B, C, solidarietà e pace-ONLUS" ricalca quella d'altre associazioni di volontariato, ma, per quel che ci riguarda, particolare attenzione viene data alle spese amministrative, rigorosamente mantenute nel limite del 5% delle entrate.


Alla contabilità e al buon andamento amministrativo dell'Associazione collaborano l'Assemblea degli iscritti e il Collegio dei revisori dei conti, nell'ambito delle competenze date loro dallo Statuto di ''A, B, C, solidarietà e pace-ONLUS'' e dal Codice civile.


 

Cerca nel sito



Un esempio: il bilancio 2005 di ABC GB

 
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus