Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Haiti - Da Port-au-Prince con riconoscenza !

17/12/2011 - 5.12:   Maurizio Barcaro, con il quale collaboriamo a Port-au-Prince, aiutandolo finanziarimante nella gestione della scuola « Sibert », ci scrive : “Ci sono ancora macerie in pieno centro città e tendopoli in certe zone periferiche ma sono passati due anni dal sisma e la vita ha preso ormai una sembianza di normalità, almeno secondo i canoni di questo Paese ovviamente. Infatti, c’e ben poco di ‘normale’ nella vita condotta da perlomeno i tre quarti della popolazione. Ma in questo periodo, perlomeno, a parte le solite scaramucce fra camere dei deputati e senatori, c’e un presidente e un primo ministro con i suoi ministri. Ci sono anche vari progetti di ricostruzione in corso, la moneta locale è abbastanza stabile e c’e perfino elettricità per qualche giorno alla settimana. Per contro la disoccupazione è sempre alle stelle e i problemi legati alla sanità e all’educazione non sono migliorati, mentre nelle baraccopoli la vita è sempre pietosa, senza contare quella di quanti vivono ancora sotto le tende dei campi che accolgono ancora migliaia di persone. Però qualcosa si sta muovendo e per quasi due anni non ci sono stati altri disastri naturali, se tralasciamo i cicloni che quasi ogni anno mietono vittime e fanno danni. In un Paese dove, secondo dati ufficiali che risalgono al 2003, il 52,9% della popolazione è analfabeta, il nuovo governo punta molto sulla scolarizzazione e speriamo che non siano le solite promesse al vento. Michel Martelly, nuovo Presidente, è ben visto dalle masse popolari e, almeno per ora, non sembra causare troppe divisioni fra i politici delle opposte fazioni. Forse dipende dal fatto che non era un politico. Martelly era un cantante e questo gioca a suo vantaggio. Ultima annotazione: la missione di stabilizzazione delle Nazioni Unite stabilita nel 2004 è stata prolungata di un’anno.

Anche nella missione la vita va avanti. Le scuole funzionano a pieno regime, alcuni dei corsi professionali ritardano un poco, ma entro breve saranno tutti attivi. Ci sono sempre piccoli problemi e cose che si accavallano e ritardano certe attività. I nostri 29 anziani vivono le loro giornate pacatamente con ritmi scanditi da piccole cose o gesti abitudinari. Therese e Racine, sono deceduti negli ultimi 3 mesi, Therese di un infarto e Racine di vecchiaia, e ora spero che si godano il Natale con San Pietro stesso. Mi fa piacere ricordare che la nostra scuola ha una percentuale molto alta di promozione agli esami di stato, 85-90%. Questa è una cosa che valorizza il livello della “Sibert”, anche se, naturalmente, ogni anno ci sono alunni che ripetono l’anno scolastico. Noi non possiamo certo garantire che un bambino si impegni e impari velocemente anche perché, spesso, sul suo rendimento influiscono i terribili fattori esterni: la famiglia, il quartiere dove vive, le difficoltà della vita quotidiana. Tutti elementi che incidono sulla capacità di apprendere e sul carattere. C’è anche da dire che molti sono bocciati a causa delle troppe assenze per malattia o determinate dalle situazioni familiari, ma, comunque, io continuo a dire che l’importante e che siano promossi all’esame di stato e che, malgrado tutto, noi continuiamo ad offrire loro una piccola oasi dove sono protetti, istruiti, sfamati e curati se malati. Un luogo dove possano essere dei bambini.

La missione compirà 12 anni a Maggio e devo dire che da quella prima piccola ‘scuola tettoia’ con 160 bambini e quella stanzetta di 6 metri per 4 con 10 brandine che accoglievano altrettanti anziani abbandonati, la “Providence” ha fatto cose meravigliose e ora più di 2.000 anime orbitano attorno alla missione. E ognuna di queste persone ha sicuramente voi, come Angeli Custodi, che con altruismo li accompagnate. So bene che la crisi economica si fa sentire anche in Italia e questo rende ancor più prezioso l’aiuto che offrite alla missione. Vi ringrazio per la vostra generosità. La colonna vertebrale della missione siete voi.

E dunque di nuovo grazie di cuore a voi, amici di “A, B, C, solidarietà e pace”.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus