Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Burkina Faso - La storia di Edouard, come in un romanzo!

16/02/2012 - 5.07:   Sembra la storia di un racconto di Ken Saro-Wiwa, lo scrittore ucciso dal regime militare nigeriano nel 1995 con la complicità della Shell, ed invece è quella vera di un bambino, di Edouard, nato in Costa d’Avorio, che vive adesso in Burkina Faso.

Edouard, figlio di Nikiema Yero e di Ilboudo Julienne, nasce il 6 maggio 2005 in Costa d’Avorio. I suoi genitori si erano conosciuti anni prima nel paese di Sandeba, dipartimento di Bazèga, nella parte centrale del Bukina Faso, e in cerca di una vita migliore avevano deciso di emigrare nel vicino Paese. Ma dopo quattro anni Yero muore e Julienne resta sola con questo figlio. Donna in un Paese straniero, con un figlio e senza uomo, decide di tornare a casa in Burkina Faso nella famiglia del marito morto. A questo punto i parenti dell’uomo decidono di dare a Julienne un altro sposo e dapprima la scelta cade sul fratello più giovane del defunto, ma si fa avanti anche il fratello più grande di Yero che la chiede come sua terza moglie. Ma Julienne non vuole e si scatenano conflitti interni alla famiglia, tali da costringerla ad andarsene. Va allora a vivere con il piccolo Edouard dai suoi genitori a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso.

A Ouagadougou Julienne comincia a lavorare in un piccolo ristorante aiutando a servire i clienti dalla mattina alla sera e lascia il suo bambino ai nonni. Passano quattro anni e Julienne trova un altro uomo e si sposa andando a vivere in un’altra località, Widin. Eduard resta con i nonni e gli zii, di fatto orfano.

Ora Edouard vive nella casa di suo nonno, Ilboudo Dominique, e della nonna, Ouedraogo Martine, che vende riso. Campano di questo. Il posto dove hanno costruito la loro piccola e misera casa fatta con mattoni di fango cotti al sole è su di un terreno demaniale e presto dovranno lasciarla per trovare un’altra sistemazione. Vivono come nomadi! Edouard, anche se i parenti di suo padre, lo hanno ormai dimenticato e non vengono mai a trovarlo, e neanche la sua mamma, continua a vivere con i nonni e gli zii ed ha voglia di studiare. Quest’anno frequenta la CP1, il primo anno preparatorio dei sei del ciclo scolastico di base, ed ha anche cominciato a passare molto del suo tempo nell’oratorio di don Bosco dove ha trovato tanti amici e fiducia in se stesso e negli altri.

Scrive Kitungwa Kabuge, uno dei due salesiani con i quali collaboriamo nel nuovo progetto di ABC a Ouagadougou: “Questo bambino è abbandonato dai suoi genitori e a tutte le necessità della vita provvedono, per quel che possono, i nonni. Ma desso noi, con ABC, possiamo aiutare questo piccolo a trovare la serenità nello studio e dare gioia e speranza alla sua nuova famiglia”.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus