Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Brasile - Parintins, una casa per la famiglia di Dona Ilza e i suoi sedici figli

21/04/2012 - 17.35:   A distanza di quasi un anno riprendiamo una notizia dello scorso maggio nella quale raccontavamo di uno stanziamento di 3.500 euro destinati all’ampliamento dell’abitazione di dona Ilza, mamma di 16 figli. Ma nel cuore dell’Amazzonia brasiliana, per le popolazioni locali, i cablocos, ovvero gli uomini che vengono dalla foresta, il concetto di tempo è relativo e si dilata a seconda delle priorità che mutano ogni giorno. E così, un lavoro che si sarebbe dovuto realizzare in un paio di mesi, è stato quasi ultimato in un anno! Comunque, dopo la ristrutturazione, anche se parziale, Marco e Matteo, il “fanalino di coda” della famiglia, hanno ora la possibilità di vivere meglio.

I due bambini frequentano il Centro di accoglienza Nossa Senhora das Graças e sono arrivati cinque anni fa nella cittadina amazzonica dalla foresta dopo aver venduto le poche povere cose che avevano. Quando dona Ilza è arrivata a Parintins con gli ultimi figli, mentre alcuni se li era persi lungo il cammino della vita, chi a vivere in un’altra città per lavoro, chi a voler restare nella foresta, ha subito pensato di comprare un pezzetto di terra per costruire una casa in via numero 6 nel bairro Itauana, vicino al CENSG. Ma i soldi erano pochi e così l’acquisto è stato fatto a rate. Quando è intervenuta ABC con il suo aiuto restavano da pagare ancora circa duemila Reais e la “casa” costruita era un semplice “tapirì”, una tettoia inclinata, in uso nella foresta, chiusa su tre lati.

Ma il papà dei 16 figli? Lui lavora sulle barche che trasportano merci da un punto all’altro del più grande fiume del mondo, il Rio delle Amazzoni. E meno male che a casa non c’è quasi mai perché le poche volte che gli capita di fermarsi il risultato è spesso un’altra gravidanza della signora Ilda.

Ma cosa è stato fatto per la famiglia? Oltre a saldare il residuo del debito per l’acquisto della terra, è stata scavata una fossa biologica, costruiti due bagni e ristrutturato il vecchio spazio abitativo ampliandolo e ricavandone altre due stanze. Restano 1.500 euro che saranno utilizzati per ingrandire ulteriormente la casa e rifinire quello che è possibile.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus