Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Guinea Bissau – L'associazione “Mindjeris Unidos” a Mansoa. Più di 300 le donne iscritte

22/04/2013 - 9.39:   Ci sono voluti quattro anni per convincere le donne di Infandre a collaborare nell’orticoltura durante la stagione delle piogge. Quando hanno visto che stavamo smontando tutte le serre installate davanti al loro villaggio per portarle a Mansoa hanno capito di non poter piú rimandare la decisione e sono venute a trovarci nel nostro hangar per dichiarare la loro disponibilità a lavorare con noi. Erano in sei, abbastanza per produrre nelle due serre che lasceremo. Con loro abbiamo parlato onestamente: per ora lasciamo soltanto due serre delle sei attualmente montate, ma, se dimostrerete il vostro impegno in quest’attività nella prossima stagione delle piogge (che comincerá a giugno), nel 2014 ne installeremo delle altre. Insomma, qualcosa sembra muoversi. Finalmente! Anche l’incontro con le mulheres nell’hangar di ABC a Mansoa è andato splendidamente, anche se cerchiamo di non entusiasmarci troppo per non restare delusi.

Ma come non essere contenti della visita delle 6 mulheres di Infandre e della presenza di 45 donne, che ne rappresentavano molte di più, all’incontro di gennaio nel nostro hangar a Mansoa? Infatti, loro, oltre a fare richieste e a chiedere aiuto cosa più che legittima, hanno manifestato interesse alla costituzione di un’associazione, “Mindjeris Unidos”, che riteniamo possa dare possibilità diverse di collaborazione e nuovo slancio al settore dell’orticoltura che in questi ultimi anni langue pericolosamente. Il loro interesse si è ridestato perché ci hanno visto in giro, intervenendo dove necessario con la polverizzazione, la correzione del suolo con la calce agricola, la lotta contro le termiti “baga-baga”. Tanto è bastato per ridargli una speranza.

Dopo una fase positiva di qualche anno fa con l’avvio a produzione di molti orti nei villaggi, negli ultimi anni è stato evidente il regresso. Ma questa cosa non deve avvenire perché l’orticoltura è troppo importante. Si tratta di salvaguardare la salute di molta gente, soprattutto dei bambini, di sostenere l’autosviluppo locale, di spingere ad un cambiamento degli equilibri sociali all’interno della famiglia e dei villaggi a favore delle donne. Infatti, con questa attività riescono, nonostante l’ostilità più o meno dichiarata degli uomini, a trovare il denaro necessario ad aiutare i propri figli e se stesse. Sono infatti loro, e non gli uomini, a pagare la “propina” (il contributo delle famiglie all’autogestione) nelle scuole frequentate dai loro bambini.

Ma cosa abbiamo proposto nell’incontro che tanto ci ha emozionato? Semplicemente questo: se vi iscrivete all’associazione “Mindjeris Unidos” versando una quota di 300 Franchi CFA (poco meno di mezzo euro) all’anno avrete senza pagare nulla l’intervento di “polverizzazione”, che sarebbe più esatto chiamare nebulizzazione, all’inizio del vostro lavoro e durante lo sviluppo delle piante, la possibilità di acquistare da ABC GB sementi e attrezzi con lo sconto del 20%, avere l’assistenza tecnica necessaria e partecipare ai seminari che si svolgeranno "negli orti" dei villaggi e non più negli hangar di ABC a Mansoa come avveniva nel passato. “Questo è il primo passo”, abbiamo annunciato.

Sarebbe lecito pensare, ma era proprio necessario fare un’associazione per realizzare queste cose? Rispondiamo di sì perché un’organizzazione, attualmente in itinere (a metà aprile le donne iscritte erano 300), dà maggiori possibilità di controllo, di pianificazione del lavoro, di intervenire tempestivamente e conoscere l’andamento generale in una zona con villaggi dispersi sul territorio, senza vie di comunicazione e con difficoltà nei contatti tra di loro. Inoltre, offre alle donne un’opportunità nuova: l’appartenenza ad un gruppo diverso da quelli abituali del villaggio e la possibilità di interagire con le altre sulla base di aspettative socio-economiche, non esclusivamente tribali, condivise.

Una cosa è sempre e comunque importante: non deludere. E’ quel che abbiamo detto ai nostri amici: dovete dire sempre la verità e soprattutto fare quel che dite, insistendo se necessario. Praticamente quel che facciamo noi con loro!

Per amore della verità è bene spiegare, per quel che possiamo, il regresso toccato con mano dell’orticoltura in questi ultimi anni. Le ragioni fondamenti sono due: la prima, abbiamo trascurato anche noi quest’attività commettendo molti errori con comportamenti inadeguati e trascurando quel che invece sarebbe stato giusto e opportuno fare; la seconda, le donne continuano, nonostante l’assistenza tecnica, anche se limitata e poco organica di ABC GB, a produrre nella stessa identica maniera senza ascoltare i pochi consigli che gli arrivavano dai nostri tecnici. Infatti hanno insistono a produrre, con scoraggianti risultati, sullo stesso terreno, con scarsa concimazione, senza rotazione delle colture, senza lo spaziamento necessario tra le piante, senza togliere l’eccesso di frutti, ecc. Insomma, l’orticoltura, “figlia minore” dell’agricoltura, è anch’essa tradizionale, di sussistenza, con strutture agricole arretrate, tecniche rudimentali e con scarse attrezzature. Ma tutto ciò deve cambiare e l'associazione "Mindjeris Unidos" servirà soprattutto a questo.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus