Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Guinea Bissau – L’ottismismo che serve per andare avanti!

25/02/2014 - 5.44:   Quello che non era quasi mai successo nel lavoro é capitato al momento di salutare gli amici che abbiamo ospitato a Mansoa per una decina di giorni. Infatti, la delegazione dei dirigenti sindacali della FILCAMS-CGIL nazionale arrivata per una “valutazione esterna” del nostro progetto a Mansoa e dintorni ha acuito la capacitá organizzativa degli amici di ABC Guinea Bissau che, completamente di propria iniziativa, hanno deciso di fare un regalo nel salutarli: hanno scelto dei piccoli doni, comprati con i loro soldi, hanno fatto tessere, sempre a loro spese, un panno locale pieno di colore con alcune scritte che richiamavano il sindacato e l’associazione insieme ai ringraziamenti, il tutto senza errori. Hanno anche ideato l’impostazione della piccola cerimonia di saluto e le sue modalitá: ognuno di loro ha consegnato un oggetto a tutti gli ospiti. Niente male! Era quasi commovente. Finalmente qualcosa sembra destarsi! Una cosa del genere richiede scelte, pianificazione, tempestivitá. Bene, da qualche parte occorreva cominciare per capire che ci sono cambiamenti in corso!

E cosí, dopo la partenza dei nostri amici che ci faranno sapere poi cosa pensano del nostro lavoro, siamo restati soli. Lo siamo abitualmente, anche se circondati tutto il giorno dai sei di ABC GB, ma loro sono a casa mentre tu sei, sempre e comunque, ed é giusto cosí, un estraneo, un “branco”. Ma noi ci vendichiamo dicendo, senza peccare di infelice superbia, che non siamo qui per essere loro amici e per questo li invitiamo sempre a distinguire l’amicizia dal lavoro ed anche a non confondere i ruoli. E possiamo dunque sostenere che non siamo amici... piuttosto loro sono figli che hanno a che fare con un padre severo, all’antica. Sono, forse, i figli piú amati perché vivono ai margini del mondo e sono sempre in difficoltá.

É a questo che pensi quando ti deludono, ti confessano le loro difficoltá, si perdono nell’aporia dell’ignoranza di fronte ai problemi o si infilano nella testarda ottusitá dell’orgoglio. E questo pensi quando sei stanco e senti il tempo che passa e ti senti “bambeado”, afflosciato. Ma basta poco per riacchiappare l’ottimismo e recuperare energie.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus