Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Guinea Bissau - Non è stato facile ma ci siamo quasi riusciti!

22/05/2015 - 7.18:   Dalla prossima stagione secca, quella che inizierà ad ottobre, avremo l’acqua necessaria per produrre pomodori, peperoni e insalata nelle 12 serre di Mansoa. Fino ad oggi la produzione orticola era stata sempre scarsa per diverse ragioni, piú o meno plausibili, addotte dai nostri amici di ABC GB. Ma l’unica grande e vera scusa accettabile è la penuria d’acqua che inizia a febbraio-marzo, quando l’acqua dei pozzi comincia a diventare salata e non è piú possibile irrigare le piante né tantomeno allestiere i semenzai necessari. Ma d’ora in poi non si potrà più dire che l’acqua non c’è perchè sui 320 metri quadrati del tetto di uno dei due hangar si abbatteranno, nella prossima sagione delle piogge, circa 1.300 millimetri di pioggia, vale a dire 1.300 litri d’acqua piovana ogni metro quadrato, per totali 416.000 litri, che finiranno nella cisterna che si sta costruendo e che accoglierà circa 310 metri cubi di pioggia. Si tratta di una quantità limitata, ma sufficiente per irrigare tutte le piante delle serre nei quattro mesi di “secca” totale, da marzo-aprile a giugno-luglio. Poi ricomincerà la stagione delle piogge e di acqua ce ne sarà in abbondanza. E cosí ora, ed è meglio essere ottimisti, sarà possibile coltivare durante tutto l’anno e in caso di produzione scarsa la responsabilità ricadrà sui nostri amici di ABC GB. E se la dovranno assumere tutta!

Non possiamo non ribadire quanto ogni cosa sia difficile in Guinea Bissau. Ad esempio la costruzione di questa cisterna ha impegnato tutti per molti mesi e dal bel progetto iniziale, elaborato da un ingegnere amico dell’associazione, abbiamo dovuto ripiegare su un piú limitato (in muratura rinforzata) perché a Bissau non si trovava una betoniera in grado di fare le necessarie gettate di cemento. Per trovarla siamo andati anche all’Ascom, una societá portoghese presente nella capitale, ma ne aveva soltanto una e impegnata nella costruzione del nuovo porto della capitale. Inoltre, man mano che si procedeva nello scavo era necessario attendere che l’acqua che “sgorgava” dal fondo della buca si riassorbisse per effetto dell’abbassamento progressivo della falda acquifera superficiale (la stessa che alimenta i nostri pozzi) per poter continuare fino a raggiungere i necessari 2,60 metri di profonditá. Finalmente, dopo un grande lavoro, si è arrivati alla fine dello scavo di metri 21 x 7 x 2,60 e sono iniziate le gettate in cemento della base con la costruzione della parte in muratura. Al momento di scrivere la cisterna non è ultimata, ma abbiamo chiarito con i nostri di ABC GB che essa dovrà essere pronta ad ogni costo prima dell’arrivo delle piogge di giugno-luglio. Ma non é finita qui. Infatti, la sfida successiva sarà quella di montare e utilizzare l’impianto di irrigazione a goccia che abbiamo spedito due anni fa per poter irrigare tutte le piante con meno fatica e senza dispendio del prezioso elemento. Inoltre, i nostri omologhi guineensi dovranno impegnarsi a rispettare le regole di un’orticoltura moderna e, soprattutto, dovranno avere sempre presente che se non sfrutteranno questa chance le loro possibilità di “sopravvivenza” diminuiranno. Perché? Semplicemente perché li “uccideremo” con le nostre mani.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus