Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Guinea Bissau - Un metodo di lavoro

28/11/2015 - 15.41:   Anche quest’anno abbiamo inviato agli amici di ABC GB un bel po’ di materiali e macchinari. Nell’ultimo container spedito, arrivato ad aprile, la maggior parte delle cose erano necessarie per costruire una cisterna. Tra l’altro c’erano le grondaie per i tetti degli hangar al fine di convogliare l’acqua della pioggia nella cisterna, 80 sacchi di cemento osmotico per completare l’impermeabilizzazione, una betoniera, scarpe da lavoro, guanti, occhiali, mascherine (cerchiamo sempre di dare importanza alla prevenzione di incidenti e ai rischi per la salute). Nel container avevamo messo anche molti attrezzi per muratori e fabbri insieme ad una pressa da 20 tonnellate per ­­costruire le serre con i tubi galvanizzati arrivati lo scorso anno, una troncatrice a disco per ferro, due bidoni di olio motore, quattro serbatoi per l’acqua da mille litri, ecc. E’ stato possibile così costruire la cisterna e adesso i nostri amici, hanno un’officina completamente attrezzata e possono darsi da fare per costruire serre, banchi di scuola e sedie, anche se manca, e speriamo presto di poterla prendere, una “combinata” per lavorare il legno.

Intanto, nonostante un periodo di malattia per febbre tifoide, il nostro, o meglio il fabbro di ABC GB, Duvida ha completato la prima serra con i nuovi tubi galvanizzati arrivati dall’Italia. Ce ne sono per costruirne altre 24 e, con lui, abbiamo concordato di fabbricarne un paio al mese, anche se, detto tra noi, ci accontenteremmo anche di una soltanto. Intanto ne servirebbero quattro per installarle sul terreno dell’associazione con le altre nove. Poi potranno commercializzarle e montarle negli orti dei villaggi per tentare di lavorare insieme alle donne durante la stagione secca.

Nel frattempo abbiamo cominciato a diminuire i trasferimenti di denaro per “costringere” i “nostri” a crescere nell’autonomia. Pian piano, se si impegneranno, potranno pagarsi i salari con il reddito dell’officina, con quello della vendita di sementi e attrezzi alle donne che lavorano negli orti, con l’escavazione dei pozzi, con la produzione e commercializzazione dei prodotti delle serre. Infatti, dando seguito ad un’idea esposta da ABC GB lo scorso anno nel corso di uno dei Consigli direttivi dell’associazione che si svolgono mensilmente, l’officina ha cominciato ad essere, come dicono loro, “lucrativa” con il fabbro e il meccanico a disposizione di potenziali clienti. Sono pochi mesi che quest’attività è iniziata e le sue entrate sono ancora limitate, ma speriamo che presto crescano. Da aprile a ottobre nella cassa “officina” sono entrati 164.000 Franchi CFA, crca 250 euro. Non molto, ma meglio che niente, tanto più che prima questi lavori erano cortesie personali che non avevano alcuna ritorno economico per l’Associazione. Proprio perché è sempre importante “spingere” i nostri amici locali, lo facciamo non soltanto con l’esempio del nostro lavoro, ma anche con una contrazione delle rimesse di denaro. Infatti, da luglio, come detto,­­ stiamo inviando soltanto 2.000 euro al mese, sufficienti per pagare i salari (1.459 euro mensili) e alcune spese varie tra le quali il gasolio. E, a proposito di gasolio, vorremmo contenere drasticamente i consumi perché, per esempio, lo scorso anno sono stati spesi circa 9.000 euro.

Questa scelta di risparmio è stata fatta non perché siamo cattivi, bensì per far capire che devono cominciare a ragionare in termini diversi e a guadagnare lavorando con le proprie mani. Non si può continuare ad aspettare la manna dall’Italia. Questo non vuol dire che ci siamo dimenticati di loro perché, nei prossimi anni ci sarà da spendere un bel po’, dai macchinari ai materiali necessari, dai pannelli fotovoltaici sul tetto dei due hangar per produrre energia a costo zero a un fuoristrada (nuovo o usato perché quello attuale è ormai un rudere). Intanto continuiamo a sostenerli con i nostri consigli e le nostre visite.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus