Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Bosnia / Serbia - Con semplicità e con il cuore in mano

23/12/2006 - 4.45:   Nell'ultimo viaggio fatto a novembre in Bosnia e Serbia ci sono state restituite, compilate dai bambini e ragazzi affidati come da noi richiesto, le schede di aggiornamento sul profitto scolastico, la situazione familiare ecc., che avevamo lasciato nelle varie scuole e fabbriche a maggio (le invieremo ai soci, tradotte, a giugno 2007). Ecco quanto scritto da alcuni degli interessati negli ultimi due spazi ("Se vuoi, dai al tuo donatore notizie sulla tua famiglia" e "Se vuoi, scrivi qui poche righe al tuo donatore"): «La mia famiglia, date le condizioni generali del nostro Paese, sta al limite della sopravvivenza. Ringraziamo le persone generose come voi, che ci date gioia, speranza e fiducia nel futuro. Dateci vostre notizie e gradite i nostri affettuosi saluti» (Nemanja) «Noi, malgrado la nostra povertà, siamo una famiglia felice. Vi ringrazio tanto perché pensate a me e ai miei compagni più bisognosi. Qui la situazione è molto difficile e abbiamo molti profughi, quindi siamo contenti che aiutate loro pure» (Jovana). «Ringrazio moltissimo il mio sostenitore, perché mi rende possibile comprare i libri di scuola, gli abiti e le scarpe. Vorrei visitare il vostro bellissimo Paese, l’Italia. Faccio il tifo per la Roma» (Milos). «La mia famiglia non sta bene dal punto di vista economico, ma mi dà tanto affetto e calore. Vorremmo che veniste a trovarci, così vi faremmo conoscere il nostro bellissimo Paese» (Petar). «Amo molto Mamma e Papà, anche se non mi permettono di fare tutto quello che mi pare. Grazie per il vostro aiuto. Sarebbe bello se veniste a trovarci, potremmo fare passeggiate sulle montagne dei dintorni» (Radonja). «Non sto tanto bene in salute, causa problemi di circolazione alle vene. Ho il padre, la madre e due sorelle. Mamma e Papà sono disoccupati, io e le mie sorelle andiamo alla scuola primaria. Ringrazio chi mi aiuta perché mi rende possibile migliorare un po’ la mia vita. Spero di conoscerlo un giorno personalmente» (Tamara).


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus