Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Bosnia / Serbia – A Nis il tasso di disoccupazione è del 35%

06/02/2008 - 19.11:   Ogni volta che andiamo a Nis per consegnare le borse di studio ai giovani affidati a distanza ci vengono in mente le immagini della città bombardata, il treno colpito su un ponte e caduto nel precipizio, l'ospedale "ferito" dalle cluster-bombs della Nato, la Tabacco Company e la Kopaonik company rase al suolo, tanti morti, moltissimi feriti, immensi danni. Sembrano passati secoli, mentre in realtà sono soltanto 8 anni.
Nis, terza città serba con 250.518 abitanti, è la porta di accesso, per chi viene da Zagabria e Belgrado, a Sofia, Istanbul, Skoplje e Salonicco ed è anche, o meglio era, una città industriale. Oggi cos'è? Una città del Sud povero della Serbia dove il tasso di disoccupazione è di circa 7 punti più alto che nel resto del Paese, vale a dire il 35% circa. Infatti, il Servizio Nazionale per l'impiego nel luglio 2007 ha diffuso i dati relativi al mese di marzo: il tasso di disoccupazione è del 28,2%. Questo dato è stato accompagnato da alcune informazioni: la maggior parte dei disoccupati (445.950, su una popolazione totale di circa 10.150.000 abitanti, compresi i bambini) sono persone in cerca di primo impiego (presumibilmente giovani) e, inoltre, il mercato del lavoro della Serbia è caratterizzato da un alto tasso di disoccupati di lungo periodo: solo il 23,1% dei disoccupati registrati è rimasto senza lavoro per meno di un anno, circa il 21% non ha lavorato per 1-2 anni e ben il 15,6% per 3-5 anni.
Questi sono numeri e dietro i numeri la vita difficile della gente, l'economia sommersa e l'agricoltura sommersa. Infatti, un numero significativo di persone vive, anzi va avanti, grazie agli orti di sopravvivenza. Lo sappiamo perché molte di queste persone le conosciamo in quanto sono i genitori dei bambini ai quali consegniamo le borse di studio. Tra di loro anche il segretario del sindacato dell'Elektronska Industria di Nis che sappiamo "lavorare", "in nero", nell'orto paterno.


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus