Contattaci
"A, B, C, solidarietà e pace"
ONLUS
Via Padre G. Petrilli 30
00132 Roma
info@abconlus.it www.abconlus.it
Tel. 0622152249
3461048370

Contattaci con SkypeSkype

Newsletter
Iscriviti per avere informazioni
sulle iniziative di
"A, B, C, solidarietà e pace"



Inserisci la tua e-mail
 




Abc Solidarietà e Pace

 
Haiti – Port-au-Prince, Michel Martelly, cantante di "Kompa" ha vinto il primo round delle elezioni

02/12/2010 - 10.47:   Colin Granderson, capo della missione congiunta dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa) e dei paesi caraibici (Caricom) sulla giornata elettorale di domenica scorsa ad Haiti ha detto che “nonostante le irregolarità le elezioni ad Haiti sono valide” e che i risultati ufficiali si conosceranno soltanto il 7 dicembre prossimo. Mentre diceva queste cose fonti non ufficiali vicine all’ONU rivelavano, secondo il “quick count”, che il vincitore era, con il 39% dei voti, Michel Martelly, cantante di Kompa (ritmo musicale tradizionale di Haiti), idolo popolare locale chiamato familiarmente “sweet Michel”. A seguire: Mirlande Manigat con il 31% delle preferenze; Jude Célestin, il favorito, con un misero 12%, mentre nulla si sa del risultato elettore dell’ultimo dei candidati più accreditati: Jean Henry Céant. Comunque, per sapere chi sarà il vincitore, occorrerà aspettare il ballottaggio del 16 gennaio 2011 tra Martelly e Manigat.

Ecco un breve profilo dei protagonisti di queste elezioni e chi risulterà eletto si troverà a gestire nei prossimi anni, sempre che Stati e ONG rispettino quanto promesso, qualcosa come 8,75 miliardi di dollari destinati alla ricostruzione di un Paese distrutto dalla instabilità politica, dalla corruzione, dai cicloni, dal terremoto e dal colera. Peggio di così!

Jude Célestin. Avvocato, 48 anni, candidato di punta sostenuto dal Presidente uscente Preval. Fidanzato della figlia dell’attuale presidente è il Direttore Generale del National Center of equipment, l'ente che ha gestito i camion e le scavatrici che hanno portato via migliaia di corpi dopo il terremoto. È sempre lui l’uomo più importante della società che gestisce la costruzione-ricostruzione delle strade . Era il favorito e i sondaggi pre-colera lo davano vincitore!

Mirlande Manigat. 70 anni è la moglie di Leslie Manigat, già presidente di Haiti per pochi mesi nel 1988, il quale, già sostenitore del dittatore Francois Duvalier successe al figlio dopo la fine della dittatura e fu costretto all'esilio dopo pochi mesi da un golpe. Insegna all’università a Santo Domingo.

Michel "Sweet Micky'' Martelly. Cantante hip-hop, 49 anni, candidato anti-sistema ha fatto grandi comizi con moltissima gente e con grandissimi investimenti durante la campagna elettorale. Inizialmente alleato dell'industriale Charles Henry Barker, 55 anni, si sono poi candidati entrambi intralciandosi reciprocamente.

Jean Henry Céant. 54 anni, è l'unico dei 19 candidati che ha rivendicato una continuità con l'ex presidente Aristide, deposto da un golpe nel 2004, di cui richiede il ritorno. Molto vicino ai quartieri più popolari, ha recentemente organizzato una manifestazione a Port-au-Prince che ha visto la partecipazione, secondo gli organizzatori, di 100.000 persone.

Adesso cosa succederà? La paura è tanta, per il colera e per il futuro sempre più incerto. La maggior parte del popolo haitiano non ha più nulla da perdere, ma, se non si interviene rapidamente, prima o poi la gente si arrabbierà e a quel punto… Intanto si registrano episodi di violenza e dalle parti di Leogane, poche decine di chilometri ad ovest di Port-au-Prince, alcuni camion che andavano a raccogliere i cadaveri sono stati colpiti da pietre, mentre l’auto di due canadesi è stata circondata dalla folla che gridava: “andate via, siete stati voi bianchi a portarci il colera”. E questo non si può negare!


   
© 2006 Associazione A,B,C, solidarietà e pace - Onlus